trial & error

Archive for the ‘web’ Category

A ogni musica la sua mappa

leave a comment »

Succede spesso no? Che ci piace una canzone, un gruppo, un musicista, e vorremmo ascoltare altra roba simile, ma nn abbiamo idea di chi, cosa, dove cercare. Music map è un motore di ricerca un po’ semantico, un po’ musicale, un po’ visuale, che permette proprio di individuare autori di musica affine a quella di un dato musicista/gruppo. Funziona abbastanza bene: basta inserire il nome conosciuto, e apparirà un’infografica organizzata come una  costellazione di nomi di artisti, la cui distanza da quello inserito (al centro) indica l’affinità di genere (più è vicino, più è simile). Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

giugno 14, 2011 at 3:53 pm

the web on blue, jazz tube

leave a comment »

Jazz tube è un aggregatore di video jazz, ripartiti per sottogeneri, con classifiche e motori di ricerca. (Picture credit: FootosDotCom in Deviant Art)

Written by trial & error

giugno 14, 2011 at 10:16 am

Pubblicato su media, music & sound, tecnologie, web

Tagged with ,

Giotto's HD tour

leave a comment »

Giotto, Cappella degli Scrovegni 1303-1305

Dopo la Cappella Sistina, anche la Cappella degli Scrovegni di Giotto a Padova diventa hd. Su questo sito (o clicca sulla foto in alto) si può visitare virtualmente lo spazio affrescato dal pittore fiorentino (tra il 1303 e il 1305), una specie di ‘Divina Commedia’ pittorica dell’arte italiana, per il modo sistematico in cui l’artista applicò tutte le innovazioni che aveva introdotto nelle sue opere precedenti, dagli incredibili cromatismi e volumetrie di persone e oggetti, alla fisiognomica dei personaggi, alla struttura narrativa complessa e ‘veristica’.  Lo strumento virtuale è stato realizzato da Haltadefinizione, selezionando e montando 14mila fotografie in alta risoluzione  scattate nel corso di 20 notti.

Written by trial & error

maggio 12, 2011 at 1:32 pm

Museo virtuale, ma solo nella fruizione

leave a comment »

Il Sole 24 Ore, 18 febbraio 2011 – Il museo fisico diventa virtuale, ma c’è chi vuol fare del museo virtuale un concreto spazio espositivo. E’ l’idea alla base dell’Adobe Museum of Digital Media, progetto patrocinato dalla software house americana, e sviluppato dall’azienda di produzioni digitali anglo-italiana Unit9 in collaborazione con l’architetto Filippo Innocenti che ha progettato la struttura. Nelle intenzioni dei suoi creatori, spiega Piero Frescobaldi di Unit9 “Adobe Museum vuole essere un monumento all’entrata del virtuale nella vita quotidiana, avvenuta negli ultimi 10 anni”. Prima di tutto un monumento architettonico, con una sua precisa fisionomia (se pur in ambiente digitale), riconoscibile e percorribile, immaginabile all’interno delle skyline cittadine di tutto il mondo. E’ un museo a tutti gli effetti, con un direttore e un comitato scientifico a cui si rivolgono gli artisti interessati a sperimentare le possibilità creative del digitale. Dalla sua apertura, nell’ottobre 2010, ha ospitato una rassegna dell’artista Tony Oursler, specializzato in istallazioni multimediali, curata da Tom Eccles, direttore esecutivo del Bard College Center for Curatorial Studies di Annandale, New York. Prossimi appuntamenti: un’esposizione dedicata all’artista giapponese Mariko Mori e al grafico americano, nonchè presidente della Rhode Island School of Design, John Maeda.

Written by trial & error

marzo 27, 2011 at 11:01 am

Dentro le gallerie e per le strade dell’antica Roma, con Google

leave a comment »

E’ quasi il sogno di ogni studioso e appassionato di storia dell’arte. Poter accedere a tutti i musei più importanti senza dover viaggiare da un capo all’altro del mondo. E soprattutto, poter esaminare da vicino le opere, con una definizione pari a quella che potrebbe presentarsi agli occhi da una distanza di pochi centimetri. Roba da Google. Che ha lanciato da qualche giorno Google Art Project. Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

febbraio 7, 2011 at 3:08 pm

Pubblicato su arti visive, beni culturali, web

Tagged with ,

Dentro le gallerie e per le strade dell'antica Roma, con Google

leave a comment »

E’ quasi il sogno di ogni studioso e appassionato di storia dell’arte. Poter accedere a tutti i musei più importanti senza dover viaggiare da un capo all’altro del mondo. E soprattutto, poter esaminare da vicino le opere, con una definizione pari a quella che potrebbe presentarsi agli occhi da una distanza di pochi centimetri. Roba da Google. Che ha lanciato da qualche giorno Google Art Project. Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

febbraio 7, 2011 at 3:08 pm

Pubblicato su arti visive, beni culturali, web

Tagged with ,

Turningart, il netflix delle arti figurative

leave a comment »

Opere d’arte in prova, un mese o più. Poi se ti piacciono, le acquisti. E’ l’idea alla base di turningart.com, servizio lanciato di recente negli USA per la vendita online di dipinti e oggetti d’arte figurativa. Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

gennaio 25, 2011 at 6:37 pm

Pubblicato su arti visive, web

Tagged with , ,