trial & error

Archive for the ‘filosoficamente’ Category

Responsabilità dei giudici, se una norma non è la soluzione

leave a comment »

L’emendamento sulla responsabilità civile dei magistrati, approvato la scorsa settimana alla Camera, e in attesa di votazione al Senato  lascia perplessi. Non tanto per la sua funzione specifica, quella di stabilire la possibilità che un magistrato che abbia inflitto dolosamente danno a qualcuno lo rifonda di tasca propria, ma perché rischia di distorcere le valutazioni dei problemi della giustizia penale italiana, e anzi, crearne di ulteriori. La responsabilità civile può essere giusta o meno, (di certo, esiste già, ma è lo Stato, e non il singolo, a risarcire), ma forse sbagliano quei “liberali” che la considerano un rimedio agli abusi o alle strumentalizzazioni giudiziarie da parte dei magistrati. Una simile idea, in fondo, risponde alla logica del “chi sbaglia paga” tipica di una concezione della giustizia che di liberale non ha granché. Le questioni sono altre, e finché non si risolveranno quelle ci saranno gli arbitrii; e finché ci saranno quelli, la responsabilità civile, a carico dello Stato o del singolo giudice, probabilmente creerà solo altri pasticci e dispute giudiziarie.  Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

febbraio 7, 2012 at 6:14 pm

Parlando di disparità sociale, paradossi democratici e altre annose questioni (featuring Matteo Zola)

with 6 comments

Il post che segue doveva essere la mia risposta al commento di Matteo al mio post precedente. All’inizio pensavo di cavarmela con un commento breve, ma le domande erano difficili, ed eccoci qua, ne è saltato fuori un altro lenzuolo che ho deciso di pubblicare così (e cari miei, io ci provo a essere sintetico, ma poi le questioni esplodono, anzi ce ne sarebbe ancora da dire…). Di seguito il commento di Matteo: 

Mi permetto di aprire una riflessione ulteriore facendo una serie di domande forse un tantino “universali”. La società liberale come si pone nei confronti della disparità sociale? e come il pensiero liberale s’interseca – secondo l’autore – con il concetto di democrazia che (e qui credo l’autore sia d’accordo) si presta ad essere utilizzato anche dai sistemi platonici e persino – in alcuni simulacri – dai regimi illiberali. Infine, come la società liberale tutela sé stessa dalle forze illiberali (diciamo “platoniche”, così da restare lessicalmente omogenei) ch’essa lascia si nutrano dal suo seno? (Matteo Zola è fondatore e direttore della rivista online su temi di attualità e politica dall’est Europa, East Journal   Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

dicembre 4, 2011 at 2:21 pm

Naturalism in visual arts, qualche appunto 1

leave a comment »

Sarebbe interessante, se fosse possibile, fare una ricerca statistica sui commenti più frequenti nella storia del pubblico artistico. E’ plausibile che  ai primi posti ci sarebbero ancora, nonostante tutto, espressioni del tipo ‘sembra vero’, oppure ‘sembra una foto’. La nozione di verosimiglianza probabilmente è ancora il parametro interpretativo più immediato per la maggior parte delle persone che osservano un’immagine,  nonostante sia stata smontata e rimontata in mille modi da filosofi, semi0logi, linguisti, e dagli stessi storici dell’arte. Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

aprile 13, 2011 at 1:28 pm

Denis Dutton (1944-2010)

leave a comment »

Qualche tempo fa si parlava di Denis Dutton, in questo articolo. Il filosofo è mancato ieri, all’età di 66 anni. Californiano di origine, insegnava all’università di Canterbury, Christchurch in Nuova Zelanda. Aveva esposto le sue teorie sul fondamento evolutivo delle arti e della “sensibilità estetica” nel libro The Art Instict. Beauty, pleasure and human evolution (2009). Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

dicembre 29, 2010 at 8:43 am

Ricerca scientifica e principio di precauzione

leave a comment »

Quando si parla di certi argomenti, le evidenze scientifiche non contano. Anche se sono il prodotto di ricerche lunghe e magari costose. Non importa quanti dati si raccolgono, quanti studi vengono fatti e da quanti laboratori, in modo indipendente. Chi è scettico rimarrà tale, venisse Einstein in persona a dimostrargli il contrario. Infatti dirà sempre che i dati sono “influenzati” da qualche interesse economico, o magari anche politico-ideologico.  Questo vale, per esempio, per gli ogm. O per la ricerca sulle staminali. Ma ci sono anche casi meno clamorosi, tuttavia interessanti. Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

ottobre 5, 2010 at 9:40 am

anamorfosi e misteri percettivi

with 2 comments

Fig. 1 – Julian Beever, anamorfosi

L’artista inglese Julian Beever è bravissimo. La sua è una “street art” tutta particolare, perchè in mezzo alle città crea mondi fantastici e rocamboleschi. I passanti  possono farne parte e camminarci dentro, proprio come nella città reale (fig. 1, clicca sull’immagine per aprire la galleria). Leggi il seguito di questo post »

Written by trial & error

settembre 29, 2010 at 9:57 am

Giorello e la felicita'

leave a comment »

Di solito la felicità viene considerata una condizione spirituale, quindi
di competenza di discipline come la filosofi a o la religione. Ma cosa
ne pensano gli scienziati? La felicità può essere indagata in modo
sperimentale? La scienza può aiutare l’uomo a essere più felice? Ne abbiamo parlato con Giulio Giorello, docente di filosofi a dell scienza all’Università degli Studi di Milano.

Written by trial & error

settembre 24, 2010 at 9:47 am