trial & error

Tsipras, o di un problema di sovranità europea

leave a comment »

I problemi della Grecia, così come quelli degli altri Paesi fortemente indebitati e con gravi carenze in termini di competitività della loro economia, non dipendono dall’austerity e dai sacrifici imposti dalla Troika. Certamente le condizioni a cui è stata subordinata l’assistenza finanziaria delle istituzioni europee e dal Fmi sono state durissime per i cittadini greci. Ma il problema di fondo di quel paese è sempre lo stesso da ben prima della crisi e quello rimane: l’assenza di attività produttive capaci di rendere il paese competitivo, di generare valore aggiunto e dunque ricchezza e benessere per i cittadini greci. Dentro o fuori dall’euro, se non si forma in Grecia un tessuto produttivo efficiente, non ci sarà futuro, se non di indigenza. E una ripartenza è un processo necessariamente spontaneo, non drogato da forme di sostegno politico, passa inevitabilmente per la riduzione di sprechi e l’esposizione alla ‘selezione naturale’ del mercato, a prescindere da ‘diktat’ esterni. E’ probabile che Tsipras ne sia ben cosciente, al di là degli slogan ideologici del suo partito, e che finirà per venir meno alle promesse fatte, adottando piani di liberalizzazione e di deregolamentazione del sistema economico che di certo non sono di sinistra.

Premesso questo, il voto in Grecia ha messo di nuovo in evidenza il ‘problema dei problemi’ generato dall’euro: la cessione di sovranità politica che l’area monetaria impone, per un verso o per un altro. Non bisognerebbe mai dimenticare che i ‘piani di salvataggio’ e i regimi di ‘austerity’ imposti alla Grecia a partire dal 2010 non servivano per fare un favore a quel paese, ma per disinnescare una possibile escalation europea di crisi dei debiti sovrani, capace di far saltare l’unione monetaria. Dopotutto, è per questo che il destino di un piccolo paese, dal Pil analogo a quello del Veneto e dell’Emilia Romagna, è divenuto così cruciale per l’Europa e il mondo intero. Dunque, non si sfugge al dilemma della sovranità: o a cederla sono i paesi in difficoltà, come la Grecia, che si sottomettono ai piani di riforma per ricevere aiuti, oppure sono i paesi forti che devono accettare di assumersi il rischio politico di garantire di fronte ai mercati internazionali per i debiti pubblici dei loro partner meno competitivi e più ‘spreconi’. Il giorno che la Germania garantirà per il debito greco, non vi saranno problemi più di quanti ve ne siano per la credibilità finanziaria della Campania.

E’ vero: ci sono i trattati di Maastricht, e i paesi che li hanno sottoscritti si sono impegnati a far ‘convergere’ le loro economie in modo che si simulassero un’area fiscale comune, pur senza un bilancio comune e un governo centrale. Dunque, per i paesi che non li rispettano, scattano le dovute sanzioni. Ma continuare a sostenere questo punto di vista appare un po’ un esercizio scolastico vuoto, scollegato dalla realtà. I trattati giuridici internazionali risentono di un noto paradosso: tendono ad avere valore solo finché non vengono messi alla prova da esigenze politiche. Al paradosso non sono sfuggiti gli impegni comunitari: dal momento in cui non sono stati rispettati da qualcuno, per non far saltare l’euro si è dovuto ricorrere a successioni di misure “straordinarie”. Si è entrati in una spirale di salvataggi, piani di riforma, fondi salva stati, ‘whatever it takes’ a furia di scontri brutali da ultimo un quantitative easing condizionato politicamente sull’aspetto cruciale della mutualizzazione dei rischi sovrani.  Tutti strumenti politici frutto di negoziati di politica estera brutali, in cui le parti in causa – gli stati Ue – intervengono valutando niente altro che costi e benefici dell’accordo rispetto ai rispettivi elettori e contribuenti.

Alla luce del voto ellenico, i patti con la Troika’ – riforme in cambio di assistenza finanziaria – si sono rivelati una linea politica controproducente, capace al massimo di comprare tempo per l’unione monetaria, ma che ha generato un voto di contestazione e l’ascesa al governo una forza politica con cui ora sarà molto più difficile dialogare. D’altronde poteva succedere diversamente? Qualcuno si aspettava davvero che i greci si trasformassero in pochi anni in liberali cultori di Mises e Hayek? Oggi i liberali denunciano il populismo, ma si possono accontentare che in Grecia ha vinto un (almeno così pare) pragmatico. Se fallisce lui, potrebbe arrivare di molto peggio. In ogni caso, il nocciolo della questione è che Ue e la Bce possono imporre a un governo determinate scelte, ma non hanno modo di determinare il voto dei suoi elettori. Ecco di nuovo il problema della sovranità. Le Istituzioni europee non ne hanno: e finché non ne avranno poco potranno fare contro le decisioni politiche dei paesi membri.

Tsipras, a prescindere dalla validità delle sue ricette politiche ed economiche, costringe i partner europei, e in primo luogo la Germania, a prendere una posizione politica esplicita sul problema della cessione di sovranità. Lo si è visto fin dall’incontro di ieri, tra il presidente dell’eurogruppo Djsselbloem e il ministro dell’economa greco Yanis Varoufakis. 

Il problema è: ha davvero forza negoziale? C’è chi sostiene che oggi l’uscita della Grecia dall’euro – che è, in fondo, la sua unica vera arma negoziale – non comprometterebbe la tenuta dell’unione monetaria. E tuttavia, sarebbe di certo un precedente estremamente importante, di cui è difficile capire la portata, forse capace di mettere in gioco la credibilità dell’area. E’ probabile dunque che il leader greco obbligherà a fare un salto di qualità alle relazioni internazionali tra paesi Ue, spostandole da un piano strettamente giuridico-burocratico – interpretazione ed attuazione dei trattati – a quello, forse più brutale, del negoziato politico esplicito. Si vedrà forse, dunque, finalmente, un po’ di politica europea: negoziati aperti tra paesi sulle scelte comuni, con relative problematiche di gestione del consenso elettorale, interno ai singoli paesi, e alla stessa Unione.

In conclusione, il dilemma  è sempre lo stesso dell’inizio della crisi finanziaria europea nel 2011: che si fa? Le strade sono due: o si procede verso un’unione politica, con mutualizzazione delle risorse e dei rischi, e magari anche con scelte di austerità, ma legittimate da un consenso popolare ‘europeo’ in cui greci, italiani e francesi mettono bocca nelle decisioni di portafoglio dei tedeschi, e viceversa, oppure ognuno per la sua strada di paese sovrano. Entrambe le strade sono legittime, ma non si può scegliere di non scegliere: il voto in Grecia dimostra che la ‘via di mezzo’ dei trattati e delle regole europee non può funzionare all’infinito. Starà ai singoli paesi chiedere conto ai loro elettori quale percorso intraprendere.

Annunci

Written by trial & error

gennaio 26, 2015 a 12:33 pm

Pubblicato su politics

Tagged with , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: