trial & error

Petrolio rinnovabile? Intervista a Vladimir Kutcherov

with one comment

Schema illustrativo della formazione abiotica del petrolio

Il Sole 24 Ore, 30 settembre 2010 – La teoria dei corsi e ricorsi storici forse è una chiacchiera filosofica, ma a volte sembra applicarsi alle ipotesi scientifiche. Per esempio, a quella sull’origine abiotica del petrolio. Già nell’Ottocento l’avevano proposta Alexandre Von Humboldt e Dmitrij Mendeleev. Poi è stata rilanciata nel 1951 in Unione Sovietica dal geologo russo N. A. Kudryavstev e dei suoi allievi. Oggi, in tempi di dibattiti sulle riserve mondiali di petrolio e su quando avverrà il famigerato “picco di produzione”, c’è chi torna a sostenerla. Magari con nuovi dati sperimentali, tanto validi che nel 2009 hanno ottenuto la pubblicazione su Nature Geoscience.
Vladimir Kutcherov, uno degli autori dello studio, non ha dubbi: l’origine del petrolio è abiotica e non fossile. Di più: lo scienziato russo – ricercatore al Kth Royal Institute of Technology di Stoccolma – si spinge ad affermare che si tratta, di fatto, di una fonte energetica rinnovabile, poiché verrebbe prodotta continuamente nello strato superiore del mantello terrestre, al di sotto della crosta. La sua certezza si basa in primis sui sugli esperimenti: «Abbiamo portato un composto di acqua e minerali alle condizioni termobariche che sussistono a 100-200 km di profondità. Ne è risultata una miscela di idrocarburi (metano, etano, propano e altri) con la stessa distribuzione di composti naturali, come il condensato del gas naturale». Kutcherov tiene a precisare che, per ora, non hanno ottenuto petrolio, ma solo dimostrato che è possibile produrre idrocarburi in modo abiotico nelle condizioni del mantello superiore.
Ci sarebbero poi le evidenze geologiche: «Secondo l’ipotesi biotica, il petrolio non potrebbe trovarsi a profondità maggiori di 8 km. Inoltre richiederebbe milioni di anni per formarsi. Tutto ciò è smentito dalla scoperta, nel golfo del Messico, di supergiacimenti profondi fino a 10,7 km, e dal fatto che, date le condizioni di pressione e temperatura, a quel livello il petrolio non si sarebbe mai conservato per un così lungo periodo». Per Kutcherov inoltre, considerando la resa relativamente bassa delle “rocce madre” – le rocce porose che contengono il petrolio grezzo – i supergiacimenti richiederebbero enormi volumi di quest’ultime. «Ad esempio – spiega – il Bolivar Coastal Oil Field in Venezuela (la cui riserva stimata attuale è di 30-32 miliardi di barili, ndr) avrebbe richiesto rocce madre estese almeno quanto metà del sottosuolo del paese». C’è però una difficoltà: come fa il petrolio a risalire attraverso la crosta fino ai giacimenti? Kutcherov parla di «canali di migrazione», tuttavia finora solo ipotetici: «Le nostre ricerche sono rivolte a dimostrarne la possibilità, attraverso esperimenti ad alta pressione e studi di modellistica».

Di certo, anche se fosse una risorsa inesauribile, l’idea di un mondo alimentato a petrolio non è piacevole. Se non altro visti i danni causati dalle emissioni dei combustibili convenzionali, quale che sia la loro origine, fossile o meno. Ma questo, commenta Kutcherov, è un altro problema. «L’inquinamento da petrolio è dovuto soprattutto ai carburanti e altri derivati, come i lubrificanti. Si dovrebbe utilizzare questa fonte solo per generare elettricità e riscaldamento, settori in cui è possibile applicare al meglio le tecnologie per la cattura di idrocarburi e la riduzione delle emissioni».

Leopoldo Papi

Annunci

Written by trial & error

settembre 30, 2010 a 9:25 am

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Vorrei poi che questi signori spiegassero anche a me come potrebbero fare gli idrocarburi a risalire in un mantello rovente e conservarsi; nel mantello abbondano ferro ferroso e ferrico, e naturalmente ci mettono un momento a divorare idrogeno e carbonio liberi e ridursi a metallo. Fin quando nel mantello disponiamo di ferro ossidato, possiamo star certi che di idrocarburi non ne vedremo!

    La difficoltà di risalita dei diamanti è nota: nel cammino verso la superficie in gran parte tendono a divenire grafite. Occorre un terribile botto per portali alla luce, i camini kimberlitici sono enormi vulcani. Permettono velocità di risalita.

    Se i diamanti fan fatica, come fa un debole idrocarburo a cavarsela?

    fausto / fardiconto

    ottobre 3, 2010 at 5:17 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: